Verifica conoscenze iniziali e supporto alla didattica

Il Centro Se@ come risorsa: Supporto alla Didattica e Sistema di Verifica in ingresso

Il SE@ (Centro di Tecnologie per la Comunicazione, l'Innovazione e la Didattica a Distanza) è il centro di Ateneo che ha come finalità quella di supportare e coordinare iniziative comuni che comportino applicazione sistematica delle tecnologie informatizzate alla comunicazione interuniversitaria, alla didattica e alla formazione permanente. Il Centro, pur modificando lo statuto e le denominazioni, è attivo all’Università di Ferrara dal 1999.

L’operato del Centro è finalizzato a potenziare la qualità dell’offerta formativa, a soddisfare domanda di formazione delocalizzata o di tipologia non tradizionale, e a rispondere alle esigenze della formazione permanente e ricorrente.  In particolare riferimento agli ultimi 3 anni, il Centro ha perseguito obiettivi di qualità nella gestione di corsi di laurea e master del nostro Ateneo e nella creazione di relazioni in convenzione con altri Atenei. Si sono così sviluppati e sperimentati nuovi modelli nella formulazione dei percorsi didattici, anche in concordanza con quanto previsto nel piano strategico di Ateneo 2014-2016, con particolare focus sull’Azione 7:

  • migliorare qualità e interazione nel processo di insegnamento/apprendimento delle modalità a distanza;
  • realizzare corsi di formazione secondo la metodologia MOOCs (Massive Open Online Courses)
  • organizzare corsi in modalità teledidattica per la frequenza a distanza di lavoratori/studenti e di studenti/lavoratori, impediti nel seguire percorsi formativi in modalità presenziale.

 

Su queste basi è stato impiantato il servizio di Supporto alla Didattica che l'Ateneo offre attraverso il SE@, in particolare (ma non solo) al Dipartimento di Studi Umanistici. Esso si configura come una modalità didattica mediatizzata che consente a studenti di assistere in diretta, via streaming, alle lezioni del corso tenuto in aula. Questo servizio di streaming è unito ad una piattaforma didattica per la distribuzione di materiale di studio interattivo ad integrazione del materiale didattico tradizionalmente associato al corso. Come per lo streaming, anche la piattaforma didattica è riservata, con accesso sotto username/password, agli studenti iscritti allo specifico corso.

Le problematiche che questo Supporto alla Didattica permette di fronteggiare sono:

  • supporto ad una didattica efficace per i "fuoricorso"
  • supporto agli studenti momentaneamente impossibilitati a seguire le lezioni
  • supporto e valore aggiunto per studenti lavoratori
  • supporto per una didattica accessibile agli studenti con disabilità o con restrizioni della libertà personale.

 

Per gli studenti "fuoricorso" sono attive piattaforme didattiche e streaming che permettono loro di seguire le lezioni o rivederle in piattaforma, dove possono essere implementati materiali ulteriormente integrativi e test di auto assessment. Streaming e piattaforme aiutano specie nei casi di contemporaneità delle lezioni, oltre che nel guidare questi studenti in un recupero dei tempi di studio.

Per studenti impossibilitati per periodi più o meno lunghi (tipici i casi di malattia) o per studenti lavoratori che possono avere problemi periodici di presenza, il sistema di supporto alla didattica è un valido strumento per aiutarli  a rimanere nei tempi previsti dai loro curricula di studi.

Per gli studenti con disabilità non temporanee o con restrizioni della libertà personale (cfr. Convenzione Ateneo di Ferrara – Carcere di Ferrara 21 dicembre 2015), il servizio di supporto alla didattica permette di seguire con regolarità le lezioni e nel caso, anche attraverso il materiale didattico on-line,  di personalizzare il processo di apprendimento.

 

Le dotazioni strumentali e le esperienze metodologiche presenti in SE@ hanno altresì consentito, nel primo semestre 2016, di mettere a fuoco e poi implementare un nuovo sistema a distanza di Verifica delle conoscenze iniziali degli studenti in ingresso, per tutti i corsi di laurea del Dipartimento di Studi Umanistici.

Tale processo d’elaborazione, condotto in raccordo con la Commissione AVA di Dipartimento, ha conosciuto vari stadi di avanzamento di cui la responsabile della Commissione stessa ha via via tenuto al corrente gli organi del Dipartimento, anche per le progressive messe a punto concettuali che si sono rese necessarie. SE@, per parte sua, ha provveduto a realizzare le piattaforme coerenti con le caratteristiche e le innovazioni individuate per i “test d’ingresso”. Piattaforme ovviamente aperte, sul piano della programmazione, a ulteriori messe a punto che venissero a maturare dopo le prime sperimentazioni del nuovo sistema (autunno 2016).

 

 

Il direttore

Prof. Livio Zerbini